mercoledì 20 maggio 2015

Admit one


Non sono una patita dei Luna Park. Anzi, quando ci vado snobbo la maggior parte delle attrazioni.
Quello che mi piace, dei Luna Park, è che sembra di entrare in un mondo parallelo: l'inconfondibile profumo di frittelle misto a zucchero filato, i suoni un po' retrò degli autoscontri, la casa degli orrori, i sacchetti con i pesci rossi trofeo di importanti vittorie.
Guardare il volto delle persone ed i loro sorrisi è per me la vera attrattiva dei Luna Park.
Non ho resistito, con l'arrivo dell'estate (e del caldo torrido, che mi ricorda che il countdown per l'autunno è cominciato) mi sono accaparrata un altro set di timbri Lawn Fawn.
Al momento mi sono divertita soprattutto a timbrare e a colorare con i promarker i vari timbri.
Ne ho tirato fuori una card molto semplice, su tinte brune.


La cosa che più mi piace della ruota panoramica sono quelle piccole cabine ricoperte di glossy accent, su cui mi sono trovata più volte con il terrore di rimanerci bloccata.
E' un periodo di creazioni centellinate e di estro creativo presente, ma incanalato in determinate commesse. Per un matrimonio ho realizzato questa card, sfiziosa ma delicata:


In questo momento sto raccogliendo le idee, anche perché ho ricevuto un premio da una cara amica blogger che vorrei riuscire a valorizzare al meglio.
Purtroppo in questo periodo non riesco a dedicare allo scrap (e di conseguenza al blog) il tempo che vorrei, ma confido di sbloccare presto questa situazione. Nel frattempo, vado a dormire sognando giostre e palloncini.





Nessun commento:

Posta un commento