martedì 23 dicembre 2014

Clima di attesa


Metto un po' di musica. Probabilmente ancora quella canzone, sì, la stessa di ieri, in loop.
Insomma, la musica c'è. I regali sono pronti, tutti. I biglietti dovrebbero essere al loro posto (tra mercatini, commesse e richieste dell'ultimo minuto, sono rimasta indietro con i miei), ed ho perfino scelto il colore dello smalto che voglio mettere ed i libri che voglio leggere durante le feste.
Manca davvero poco al Natale, mi sento pronta. L'anno scorso vivevo (anzi, subivo) una prospettiva diversa, per cui non sono riuscita a viverlo come avrei voluto...quest'anno ho proprio voglia di "tornare bambina" e di godermelo pienamente.


Questa card in a box mi è stata commissionata qualche tempo fa, il procedimento e le misure sono sempre quelle ormai, ma questa versione mi piace particolarmente per la scelta dei colori: la bellissima tinta di rosso alla base è stemperata dalle adorabili carte della solita collezione Dovecraft (Crafty Christmas). Lawnfawn fa il resto, con la renna anche quest'anno protagonista.


In secondo piano gli abeti Lawnfawn di due diverse dimensioni, il tutto su del cartoncino bianco sagomato a mo' di colline innevate. Così è come si presenta chiusa (ma il bello è avere in giro questi oggettini per tutte le feste):


Temo di essere in un clima di attesa tutto mio, in ogni caso mi piace spaziare anche sotto Natale, con la scusa di qualche altra ricorrenza. Ecco una proposta di tri shutter card:



Ho usato la vecchia collezione Boho Chic sempre Dovecraft: era da un po' che volevo sfoggiare qualcosa di classico. Mi è piaciuto molto il risultato finale, soprattutto come si combinano i colori (ero un po' scettica della palette cromatica che avevo scelto all'inizio, invece mi ha completamente conquistata).


Colgo l'occasione per augurare Buon Natale e Buone Feste a chiunque passerà di qui.

venerdì 12 dicembre 2014

"To do list" non fai per me



Ed eccomi qui. Il ritardo è spiegato dal titolo: mai più "to do list", nelle mie piccole cose.
Avevo un programma ed un desiderio, ovvero essere più creativa e più presente nel periodo che precede il Natale, condividendo i miei progetti e ispirandomi a quelli di altre. Una serie di sfortunati eventi mi ha portato a perdere l'attimo (tranne che per la creatività, quel proposito è stato mantenuto)... ma il Natale non è troppo vicino per cercare di recuperare.



Queste sono due versioni della stessa serie di card, che l'anno scorso (mi) sono piaciute così tanto da volerle riproporre e rinnovare. 
La prima gioca sulle sfumature del marrone, che rimane uno dei miei colori prediletti per i biglietti di Natale. Le carte che ho utilizzato provengono dalla bellissima collezione Dovecraft Crafty Christmas e mi piacciono da impazzire. Per i bordi ho utilizzato una delle mie prime fustelle, mentre per i fiocchi di neve una nuova della Opitec.


L'effetto finale è uno di quelli che è piaciuto di più ai mercatini, non sono tornata a casa con nessuno di questi. A stemperare il marrone cioccolato di base, qualche puntino bianco realizzato con una banalissima penna bianca.


Questa è la variante color crema, ma le carte sono sempre quelle della Dovecraft, con banner fantasia e con un azzurro pastello di base.


Nella loro semplicità, sono card che trovo molto eleganti, versatili e con un buon gioco di livelli grazie all'adesivo spessorato.
Per recuperare il tempo perduto, ecco un'altra card entrata a far parte della Winter Collection 2014.
Il protagonista è un timbro che ho acquistato dei Mercanti in Fiera, acquistato quest'estate. Ho deciso di usarlo "in purezza" per esaltare Babbo Natale, le renne e la slitta, realizzando una finestra ed embossando con della polvere argento della Ranger.


Per lo sfondo ho usato un embossing folder della Sizzix, che su cartoncino bianco rende moltissimo.


Non aggiungo altro, nella speranza che senza "to do list" le cose vadano meglio!

domenica 23 novembre 2014

La stagione dei mercatini


Sono consapevole di essere latitante e me ne dispiaccio. 
Periodo intenso: tanta ansia, tante decisioni, tante responsabilità e tanti impegni. 
E poi, si inizia con i mercatini. Il primo è stato benedetto dal tiepido sole di novembre, dopo una settimana -o più- di piogge torrenziali. 
Nuove card, nuove creazioni e nuovo allestimento: mai come quest'anno i mercatini saranno a conduzione familiare.


Ho il cuore gonfio di soddisfazione, mentre riguardo queste foto e penso ai nostri sforzi, alle serate sforate in nottate, ma anche al bellissimo risultato ottenuto.
E poi, mi mancava l'esperienza da bancarella: la condivisione delle esperienze con la vicina, i consigli preziosi, le scene memorabili, quelle risate che escono di pancia, il thé caldo del pomeriggio, i piedi freddi e insensibili, il rientro al calduccio quando il sole ormai è andato a dormire.


La visita di un'amica, gli apprezzamenti dei passanti, la vendita-lampo inaspettata, il cliente che prende in mano il tuo biglietto e ne sceglie subito altri, con decisione.
Ancora mi fa strano mostrare in pubblico le mie creazioni: non è come sul web, dove una bella foto può fare la differenza. Dal vivo le persone osservano, vengono catturate dal particolare oppure decidono di passare oltre, prendono in mano la card e la appoggiano subito, oppure la fissano con attenzione e, magari, fanno anche qualche domanda. Il feedback è immediato e per me è sempre uno stimolo a migliorare.
Domenica prossima altro mercatino. Altra giostra, altra storia, altro divertimento.


domenica 2 novembre 2014

When the stars go blue



Più il blu è profondo, più richiama l'idea di infinito, suscitando la nostalgia della purezza e del soprannaturale. E' il colore del cielo, come appunto ce lo immaginiamo quando sentiamo la parola "cielo".

Quest'anno, per me, è stato blu. Nel vestire, negli accessori, nel sentire. 
Mi piace pensare, leggendo le parole di Kandinsky, che la quiete del blu mi abbia avvolta e tenuta stretta in tutte le sue sfumature. Pertanto ho voluto rendergli omaggio con un tris di biglietti a tema natalizio. Aggiungendoci una spruzzata di argento.


La prima card è una shaker card molto semplice: la finestra è ricavata con una fustella sizzix che riproduce una piccola pallina di Natale. L'ho chiusa con dell'acetato e del nastro gommato e l'ho riempita con delle stelline argentate piccole e medie. Un trionfo di blu ed un augurio embossato in argento.


La seconda è una easel card, ovvero una card autoportante. Su del vellum ho stampato ed embossato in argento questa bellissima sequenza di palline di Natale e il relativo augurio. Ho creato una cornice con del cartoncino grigio ed ho risaltato il tutto con un cartoncino bianco di sfondo. La base è tutta in blu ed è sostenuta da un paio di brillantini argento.


L'ultima card è nella struttura molto simile alla precedente, pur non trattandosi di una easel card. 
Ho scelto questo bellissimo albero ornamentale e l'ho embossato in argento. Cornice bianca su sfondo bianco, applicata ad un cartoncino blu. Qualche brillantino ed un fiocco di neve a movimentare la card. Non sono riuscita a non realizzarne anche un'altra versione, per certi versi meno invernale e più natalizia:


Ne approfitto per informarvi che la stagione dei mercatini "natalizi" sta per cominciare: il primo appuntamento è per domenica 16 novembre (tempo permettendo) al mercatino creativo di Calolziocorte (LC) - Località Lavello (la mia assenza dal blog, dovuta anche a impegni lavorativo-affettivi, è giustificata anche all'intensa produzione di questo periodo).
Vorrei concludere così come ho cominciato, per ricordarmi che non bisogna mai stancarsi e dimenticarsi di guardare il cielo e perdersi nella sua quiete:

Il blu è il colore tipico del cielo. Se è molto scuro dà un'idea di quiete. [...] Da un punto di vista musicale l'azzurro assomiglia a un flauto, il blu a un violoncello o, quando diventa molto scuro, al suono meraviglioso del contrabbasso; nella sua dimensione più scura e solenne ha il suono profondo di un organo.

domenica 19 ottobre 2014

Ho ho ho! Merry Christmas!


Tutto ciò è nato a partire da un magazine che mi sono regalata qualche settimana fa e che conteneva, tra le altre cose, un bellissimo set di timbri natalizi (che non sono ancora riuscita a sfruttare interamente, mannaggia!). Tra le varie bellezze, questo Babbo Natale mi ha subito colpito: è in perfetto equilibrio tra simpatia e eleganza, né infantile né serioso. Penso che diventerà uno dei protagonisti indiscussi di questo Natale, quindi iniziate ad abituarvi alla sua presenza! 
Guardandolo da vicino mi viene voglia di iniziare a impacchettare e scartare regali...


Oggi vi mostro due card che ho realizzato settimana scorsa, in vista dei mercatini di Natale.

La prima vede Babbo Natale accanto ad un frame ricco di fiocchi di neve, immancabili all'interno di una cornice natalizia. Avete presente quando si è a casa, al caldo, magari con indosso un bel maglione avvolgente, e si guarda fuori dalla finestra la neve che imbianca il paesaggio? Ecco, l'ispirazione per questa card viene proprio da questi momenti.
Ho usato un cartoncino rosso alla base e vi ho applicato una delle card offerte dal magazine (prima incorniciata all'interno di un cartoncino bianco). Ho sagomato e ritagliato un frame bianco, l'ho chiuso con del vellum e ho aggiunto il sentiment ed i fiocchi di neve come se piovessero.


Per rendere più brillante il tutto ho intriso i fiocchi di neve con il Versamark e li ho embossati con della polvere trasparente. Invece sul Babbo ho sfoderato il mio nuovissimo Wink of Stella trasparente e l'ho cosparso di brillantini.


L'altra versione si rifà ad un altro dei miei momenti invernali preferiti: quando si sta davanti al camino acceso, fissando le fiamme che divampano e sorseggiando un po' di thé caldo.
I colori diventano più caldi, l'atmosfera si riempie di aromi, il cuore si scalda insieme alle mani gelate. La base di questa card è un bel marrone cioccolata, su cui dominano il rosso, il beige e l'avorio. Il frame è chiuso con del vellum su cui è embossato l'augurio in avorio, un cuore e un twine marrone concludono il tutto.



Anche in questo caso ho aggiunto a Babbo Natale un tocco di Wink of Stella, che mi è stato consigliato e che consiglio a tutte a mia volta.

So che non sono l'unica ad aspettare il Natale (c'è già chi ha cominciato il conto alla rovescia!), ma quest'anno ho proprio fretta. Sarà per interrompere i ritmi frenetici, sarà per lasciare che i brutti pensieri vengano affogati dai buoni, sarà per stare un po' di tempo a casa tutti insieme.
Sì, non vedo l'ora che arrivi Natale.

domenica 5 ottobre 2014

Doni d'autunno


Venerdì ho ricevuto un dono. Non un regalo, né un pensiero: un dono
Una sorpresa disinteressata, gratuita, pensata apposta per me. Complice anche il mio carattere, non ne ricevevo da tantissimo tempo...e questo mi ha proprio scaldato il cuore.
Il mittente è Debora, che per me è stata la prima sostenitrice, mentore ed amica di scrap. Tempo fa mi ha trovata per caso su Instagram, mentre stavo postando in modo maldestro le mie prime creazioni. Mi ha riempita di complimenti e mi ha dato l'idea di aprire un blog. Questo blog. 

All'inizio l'avevo concepito come una sorta di "diario segreto", mentre ora spero diventi veicolo di condivisione e di amicizia.
Beh, Debora mi ha mandato un pacchettino, con dentro tante belle cosine. 
Questa è la più bella di tutte:



Un biglietto fatto a mano e realizzato apposta per me (l'ho già scritto, vero?!), che sfoggia una delle frasi più belle di uno dei libri più belli (che da qualche anno a questa parte rileggo quando si avvicina il Natale). Scrivo qui per ringraziarla pubblicamente di questo pacchetto, del precedente e di tutto ciò che mi scrive, mi ha scritto e ha pensato di me: una generosità d'animo non comune.
E questo non è stato l'unico dono d'inizio autunno.



Oggi sono stata alla Fiera di Bergamo Creattiva
Ne ho approfittato per fare acquisti...ed anche per uscire dal guscio. Al banchetto sloveno ho fatto amicizia con una ragazza disponibilissima -pur sfoggiando un inglese raffazzonato e peggiorato dalla timidezza-, ho fatto domande a destra e a manca, ho guardato, ho sorriso... e mi sono avvicinata al banchetto dell'ASI.
Già, perché qui avevo un appuntamento molto speciale.

Ho avuto il piacere di conoscere Mir, una scrapper eccezionale che conoscono tutti...quindi non ha bisogno di presentazioni. Purtroppo ci ho scambiato solo due chiacchiere (sarei voluta rimanere lì moooolto di più), ma so che la rivedrò molto presto. 
Mi è sembrato giusto regalarle una card autunnale: oltre ad essere la mia stagione preferita, la sto adorando perché mi sta donando tanto. Ed è appena cominciata!



Si tratta della classica shaker card su cui mi sono fissata nelle ultime settimane. All'interno racchiude tante piccole foglie di tanti colori diversi: tutti quelli che l'autunno ci regala. Su un letto di foglie embossate, un po' di oro e un paio di fiori a tema. Semplice e pulita, proprio come piace a me.



Mi sento fortunata e felice. Forse è per questo che oggi mi sembra Natale.


domenica 28 settembre 2014

Traguardi shakespeariani



In una vita che spesso ti costringe a camminare controvento, ci sono dei momenti in cui puoi fermarti, riprendere fiato e godere delle vista. In quei momenti ti rendi conto della strada che hai fatto, di dove sei arrivato, di che persona sei diventato. Questa settimana vi propongo due card per due diverse occasioni che hanno in comune proprio questo tipo di momento: quello della realizzazione di sé, del raggiungimento di un traguardo importante.
Per i 29 anni di matrimonio dei miei genitori ho realizzato questa card. Inizio subito a mettere le mani avanti: complice la fretta e la necessità di fare tutto "di nascosto", contiene alcune sbavature dovute alla polvere nera da embossing, che ha deciso di infilarsi ovunque.


Comunque il risultato mi ha soddisfatto, ed ai miei il biglietto, accompagnato da un sonetto di William Shakespeare, è piaciuto moltissimo (che è poi la cosa importante). 
Come si sarà notato, credo di avere un debole per le finestre. Questa è ovale, chiusa con acetato, tutta bianca, con la scritta embossata in nero. Intorno ho applicato una serie di fiorellini fustellati bianchi, a cui ho voluto dare un andamento irregolare. Ogni fiore racchiude, al centro, un piccolo brillantino argentato.

Per concludere, un semplice cartoncino bianco ed una delle card Dovecraft della collezione Silent Night: chi dice che le carte natalizie non si addicono ad altre occasioni? Ne ho scelta una con degli inserti argentati e delle scritte, sapendo che a mamma sarebbe piaciuta molto.


Un'altra card di congratulazioni è andata, invece, ad un ragazzo che si è diplomato al conservatorio. La musica è mia fedele compagna, ha avuto anche una gran pazienza durante gli anni di studio di pianoforte... sono in debito con lei. Quindi, ho sempre voluto creare una card "musicale", dove spartito e note fossero protagonisti: ed ecco l'occasione!


Su un cartoncino bianco ho timbrato più volte lo spartito con dell'inchiostro nero e l'ho embossato con della polvere trasparente, così da dargli un effetto meno vivo, più spento rispetto all'uso della polvere nera. Ho poi aggiunto un nastro rosso scuro ed una tag con le congratulazioni. Per dare un taglio meno serioso al tutto, ho optato per un cartoncino nero dove far danzare qualche nota bianca.


Nel mio piccolo, questo blog è un traguardo. E sento che è solo l'inizio.
Intanto, aspettiamo il Creattiva di settimana prossima.

sabato 20 settembre 2014

La scatola di cioccolatini



Tutto è cominciato con una scatola di cioccolatini.

Venerdì pomeriggio, ore 17.00. La mia collega rientra in ufficio con una misteriosa borsa nera: è un regalo. All'interno, una scatolina bianca è graziosamente avvolta da un nastro blu. 
Una volta aperta (la curiosità è donna, giusto?)... oooh! Uno dopo l'altro, ci appaiono schierati tanti piccoli cioccolatini, come dei soldati in uniforme da parata. Non posso certo esimermi dall'assaggiarne un paio: il primo è al pistacchio ed è buonissimo, il secondo è buono anche se è al peperoncino (che non è proprio nelle mie corde).
Dopo esserci confrontate come se fossimo dei maitre chocolatier, sorge spontanea la necessità di un biglietto di ringraziamento. In quel momento gli occhi si fermano su di me ed io esclamo un cinematografico "Nessun problema, ci penso io!"



Inizio a pensare al biglietto da subito, ovvero dal viaggio in treno. 
Le possibilità sono due: o giocare sul bianco e sui toni pastello, o fare qualcosa di floreale con colori terrosi. Complice la voglia di creare qualcosa di autunnale - sensazione che in realtà è dentro di me per 365 giorni l'anno -, opto per una card sui toni del marrone.
Qualche mese fa mi sono fissata su queste roselline. Le incollavo un po' ovunque, soprattutto a smussare gli angoli di album e card.


Per cui ho deciso di rispolverarle, stavolta utilizzando le amate polveri da rilievo bianca e oro.
Come nelle card a tema natalizio che ho creato e pubblicato settimana scorsa, ho ricavato un ovale bianco con le Framelitz Sizzix e ho chiuso la finestra con del vellum. Mi rendo conto che l'effetto finale è semplice, ma strafare proprio non mi riesce (o non ne sono capace).
Cartoncino marrone, una carta della Ki Memories ed infine un Grazie creato con uno degli Alphabet Stickers della Prima (che possiedo da mesi, le ho comprate all'ultima fiera Creattiva di Bergamo e non le avevo ancora usate... vergogna!).


Ora devo solo ricordarmi di portarla in ufficio: a lunedì l'ardua sentenza. Intanto, però, mi godo il resto del weekend.

Giada

domenica 14 settembre 2014

Silent Night



Silent night non è solo il titolo di uno dei classici del repertorio natalizio, ma anche il nome di un'edizione di paper pad Dovecraft. L'ho acquistato l'anno scorso, spinta da colei che se ne è innamorata dal primo momento in cui l'ha visto sullo schermo del pc: la mamma.
Fatto sta che i motivi di questi fogli sono davvero unici e sposano in pieno il mio stile...nevoso? Sognante? Romantico?
Nel dubbio su come valorizzarli a pieno, per tutti questi mesi ho pensato bene di tenerli da parte. Oggi però, in cerca di ispirazione per la nuova Winter Collection, le ho disposte tutte sul letto, una dietro l'altra, ed ho deciso di dedicarmi interamente a loro.
Ed ecco il risultato: due shaker card.



Mi sono cimentata con una shaker card qualche mese fa, per poi farne una versione più estiva e su commissione qui.
L'idea di quelle stelline argentate e di quelle vecchie perline azzurre - che stavano in fondo al cassetto, a ricordo del tentativo fallito di crearmi un braccialetto - era già nella mia testa da tempo, ma è tornata in superficie non appena ho osservato e abbinato le carte Silent Night.


Le card sono praticamente identiche, cambiano solo l'abbinamento delle carte, il formato e qualche abbellimento. La finestra è la stessa per entrambe: un ovale bianco creato con framelits e acetato.
Una volta scelto lo sfondo ed embossato l'augurio, si "farcisce" a piacere e poi si chiude il tutto.



Nella prima delle due card ho optato per molte perline azzurre, alcune blu e poche stelline. Ho posizionato la finestra al centro della card ed ho accostato due fantasie uguali, ma di colore diverso. Su questo gioco di grigi, azzurri e argenti ho inserito anche un twine grigio, sempre Dovecraft.


La seconda card ha un profilo più rettangolare. La finestra, ottenuta nello stesso modo della precedente, vede la prevalenza di perline blu. In questo caso, i colori sono più spenti: la fantasia di sfondo ha un lato glitterato, mentre sulla destra ho posizionato, a compensare, due fiocchi di neve in vellum con mezza perla. L'attenzione viene focalizzata immediatamente dal centro della card.


Se entrambe potessero parlare, direbbero solo una parola: pace.

Giada

domenica 7 settembre 2014

Polvere di neve


Buona domenica di settembre!
Come promesso, ho cominciato a pensare alla nuova collezione natalizia (anche se al momento si tratta di utilizzare il caro vecchio materiale...vedrò di fare un po' di shopping a breve!).
Ho incanalato un po' della malinconia - che questa settimana ha deciso di sbarcare nel mio lunatico universo - nella creazione di queste card dall'aspetto molto invernale.



Non ho intenzione di dilungarmi su quanto mi piaccia l'inverno...anche perché al momento ho intenzione di godermi a pieno l'autunno! Ma quella sensazione di calore, mentre si guarda fuori dalla finestra un paesaggio bianco e silenzioso, quasi ovattato, stringendo tra le dita una tazza di thè bollente...beh, potrei stare così per ore e ore.

Torniamo alle card. Il primo dei due protagonisti di queste card è il vellum (di nuovo, foglio da lucido per me). 


Vorrei inserirne un po' in tutte le card, cercando di capire come sfruttarlo a pieno.
Il layout della card è quello che ho già sperimentato qui: il cerbiattino al centro di una polaroid. 
Ho creato la cornice con del cartoncino bianco, ho scelto come sfondo una card della Fizzy Moon e ho chiuso la polaroid con del vellum embossato con della polvere bianca Aladine.


Per lo sfondo della card ho usato un cartoncino grigio, su cui ho timbrato dei fiocchi di neve con del Versamark... fiocchi che ho poi embossato a caldo con della polvere trasparente. Per la scritta ho usato dell'inchiostro nero che ho velocemente ricoperto con della polvere trasparente...l'effetto rende tantissimo, anche se il metodo utilizzato è quello meno "ortodosso"! Due fiocchi di neve in vellum, un cerbiatto, un tocco di twine e un pizzico di mezzeperle...ed il gioco è fatto.


Con la seconda card vi presento la seconda protagonista di questa serie: la polvere da rilievo
Amo la polvere di colore bianco, ma quella trasparente mi ha aperto un mondo di sperimentazioni (soprattutto se unite al vellum). Ho appena avuto modo di comprarle, approfittando di una svendita e...vabbè, ora dovrò resistere alla tentazione di ampliare la collezione!


Per questa card ho utilizzato uno sfondo dalle tinte beige mutuato dalla collezione natalizia Dovecraft, su cui ho incollato una striscia di vellum embossato con fiocchi di neve bianchi e trasparenti (i fiocchi trasparenti sul lucido si vedono molto poco, ma davanti ad una fonte di luce donano uno scintillio alla card unico).
La scritta embossata in oro e il classico cerbiatto hanno concluso il tutto, che ho applicato su un cartoncino color cioccolato.


Sono decisamente soddisfatta di queste card e delle immagini che ho postato: ho curato molto più del solito la parte fotografica, complice anche la calda luce del mattino.
Pensando ai prossimi progetti, vi auguro buon inizio settimana!

Giada